SUPERLEGA. Al Gi Group non basta il coraggio, Civitanova conquista la Candy Arena

MONZA. L’emozionante carica degli oltre 3400 spettatori della Candy Arena non sono bastati al Gi Group per conquistare punti preziosi. L’ottava giornata di Superlega regala ai campioni d’Italia il 3-1 finale

Di Redazione | Domenica, 19 Novembre 2017 22:01

In copertina Donovan Dzavoronok

 

 

Il pronostico, sulla carta scontato, però non si è verificato poi con così tanta facilità, anzi. La squadra di Falasca ha tirato fuori tutto il suo cuore e la sua qualità per mettere alle corde la corazzata marchigiana, avanti dalla metà del primo e del secondo gioco in poi, fughe che gli hanno poi permesso di chiuderli entrambi, ma incapace di fermare la veemente reazione monzese nel terzo (25-20 per Monza). Con il pubblico di casa a sperare nel tie-break e a trascinare i suoi beniamini a difese generose, nello specifico Rizzo e Botto, e a giocate determinanti (Finger, Beretta e Dzavoronok, quest’ultimo autore di una prestazione maiuscola con 15 punti, 1 ace e 4 muri ma tutti nei momenti caldi della gara), nel quarto set, però, esce fuori tutta l’esperienza di Civitanova. Sokolov (19 punti e 5 muri) e Juantorena (21 punti, 1 ace e 3 muri) finalizzano e Grebennikov (MVP della partita) vola su ogni palla. Gli ospiti si portano sul 23-20, ma i padroni di casa non si arrendono e provano la risalita con pazienza, agevolati anche da un rosso arrivato a Juantorena per proteste (23-22). La Cucine Lube non si fa sorprendere nel finale e chiude il set, 25-23, e la gara guadagnandosi, sudando, la piena posta.  


Post partita
“Siamo partiti contratti - commenta Donovan Dzavronok, schiacciatore Gi Group Monza -. Poi ci siamo sbloccati e abbiamo giocato la migliore pallavolo dall’inizio della stagione. C’è un pizzico di rammarico per come si è chiusa questa partita, ma del resto sapevamo che sarebbe stata estremamente difficile. Nel quarto set siamo stati davvero vicini a farlo nostro. Abbiamo commesso qualche errore e loro ne hanno beneficiato. Civitanova ha vinto grazie ad una maggiore convinzione nei momenti chiave. Ci manca ancora qualcosa, ma siamo sulla giusta strada”.

“Stasera non abbiamo espresso la nostra migliore pallavolo - dice Jenia Grebennikov, Cucine Lube Civitanova -, probabilmente perché abbiamo trovato di fronte a noi un avversario molto motivato che ci ha messo in difficoltà con il servizio. Ci portiamo a casa tre punti molto importanti che fanno bene al morale e alla classifica. Partite come questa devono farci capire che quando è il momento di chiudere una gara bisogna farlo subito. Non siamo riusciti a farlo, complice anche un ottimo approccio di Monza, ma nel futuro dovremo tenerlo a mente”.

 

Gi Group Team Monza – Cucine Lube Civitanova 1-3 (20-25, 22-25, 25-20, 23-25)

Gi Group Team Monza: Beretta 11, Finger 10, Dzavoronok 15, Barone 3, Shoji 2, Botto 15; Rizzo (L). Brunetti, Walsh, Langlois, Terpin, Hirsch 5. N.E. Buti. All. Falasca.

 

Cucine Lube Civitanova: Kovar 11, Cester 13, Christenson 3, Juantorena 21, Stankovic 4, Sokolov 19; Grebennikov (L). Zhukouski. N.E. Candellaro, Sander, Marchisio, Casadei, Milan. All. Medei.

 

Classifica

Sir Safety Conad Perugia 24, Azimut Modena 20, Cucine Lube Civitanova 20, Bunge Ravenna 17, Wixo LPR Piacenza 13, Kioene Padova 13, Calzedonia Verona 12, Revivre Milano 9, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 8, Taiwan Excellence Latina 8, Diatec Trentino 7, Gi Group Monza 6, BCC Castellana Grotte 4, Biosì Indexa Sora 1. 1 incontro in meno: Bunge Ravenna, Calzedonia Verona, Taiwan Excellence Latina, Diatec Trentino, BCC Castellana Grotte. 1 incontro in più: Wixo LPR Piacenza.

 

 

Servizio a cura di Romano Lombardi

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

 

 

Tiramisù