SERIE A2 MASCHILE. Brescia, Giacomo Bellei nuovo opposto dei Tucani

Altro nuovo arrivo all’Atlantide Brescia che, dopo le conferme di Cisolla, Esposito e Tiberti e l’innesto di Codarin al centro, si assicura Giacomo Bellei, opposto in arrivo da Castellana Grotte

Di Redazione | Venerdì, 14 Luglio 2017 06:41

In copertina Giacomo Bellei in attacco (foto © Lega Volley)

 

 

450 punti messi a terra nella passata stagione con la maglia del Materdomini Castellana Grotte - avversaria della Centrale Mc Donald’s nella prima fase della pool salvezza di A2 sono il biglietto da visita di Giacomo Bellei che arriva a Brescia per mettere la sua esperienza al servizio di coach Zambonardi.

 

Carriera

Ritrova in regia Tiberti, suo compagno a Montichiari nella Gabeca di Berruto e Blengini del 2008/2009. Classe 1988, alto 2,02 metri, ha otto stagioni in serie A1 al suo attivo, giocate con le maglie di Macerata, Montichiari, Forlì, Modena, Ravenna e Verona. Bellei – originario della provincia di Verona con cui ha giocato le sue ultime tre stagioni di serie A1 vincendo la Challenge Cup 2015/2016 – è cresciuto nelle giovanili di Carpi e Modena ed è poi passato a quelle di Macerata. meritandosi l’esordio nel massimo campionato con la maglia della prima squadra (stagione 2006/2007) e vincendo la Junior League 2007. Dopo il passaggio alla Marmi Lanza Verona in serie A2, con la quale ha conquistato la Coppa Italia 2007/2008, viene aggregato alla Nazionale Seniores B nel collegiale guidato da Monti e con l’anno successivo decolla la sua carriera nella massima serie. Ha vestito le maglie della nazionale Juniores e della selezione under 23.

 

Aspettative difficili

Il commento dello schiacciatore veneto: “Brescia sta costruendo una squadra con un buon mix di giocatori di esperienza e di giovani che hanno voglia di crescere. Con le formule del campionato in continua evoluzione, è sempre più difficile parlare oggi di aspettative concretizzabili: puntiamo di certo a ben figurare e a salvarci come primo passo, poi si vedrà cammin facendo, a seconda di come va la prima fase della stagione. Incontreremo team costruiti per vincere contro i quali sarà dura competere, ma che potranno essere un grande stimolo a fare bene e ce la vedremo con squadre che hanno lo stesso nostro obiettivo salvezza, di fronte alle quali metteremo sia la voglia di riscatto per la passata stagione, sia quella di essere da esempio e guida per i tucani più giovani”.

 

 

Servizio a cura di Romano Lombardi

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù