SERIE A1. Novara suona la nona sinfonia: Pomì si arrende in 4 set. Barun MVP da 35 punti

Casalmaggiore affronta la prima sconfitta dopo otto gare di regular season, a spese di una Novara convincente e brava a sfruttare i momenti di calo delle rosa. Fabris - Barun finisce 32 a 35 per la croata biancazzurra

Di Redazione | Lunedì, 06 Febbraio 2017 07:50

L'Igor Novara

 

 

Igor Gorgonzola Novara riesce nell’impresa tanto sognata: battere la Pomì al PalaRadi per la prima volta. Lo fa portando a casa tre punti con merito, grazie alla regia impeccabile di Carlotta Cambi, al braccio di fuoco di Katarina Barun (35 punti a referto per lei) e a Cristina Chirichella, concentrata per tutta la partita (abile nel finale anche in ricezione), capace di trovare sempre il varco buono per andare a punto (68% in attacco). Per Casalmaggiore, una battuta d’arresto che ci può stare nel corso della stagione, ma allo stesso tempo offre spunti di riflessione per migliorare una squadra che finora ha raccolto punti in tutte le uscite stagionali.

 

Fabris martella

Il primo punto della sfida, manco a dirlo, è di Carlotta Cambi in ricezione. Arriva poi anche il primo video check sul 3-2 Pomì, il punto va a Novara ma Gibby pareggia. Pomì tiene in mano il gioco ma Barun risponde di classe a Bosetti (12-8). Carli Lloyd di seconda mantiene il +5 sul 16-11. Carlotta Cambi emula la collega in rosa ed assieme a Barun a muro spinge Caprara ad interrompere il gioco sul 17-14. Plak lascia il posto a Pietersen ma Pomì insiste con Fabris (21-17). Barun trova prima un punto poi la rete in posto 2 e Casalmaggiore spinge sul 23-18, così Fenoglio richiama le sue. Il break giova alle ospiti che infilano 4 punti di fila (ultimo dei quali quello della rientrante Plak) ed è Caprara a sua volta a fare il punto con le rosa: 23-22. Tirozzi firma il 24-22, poi Fabris martella il punto del 25-23, portando avanti Casalmaggiore.

 

Set alla Chirichella

Novara cerca subito di riscattarsi: Barun sigla il 3-5 ma Fabris è lesta a colpire. Capitan Tirozzi resta in campo al posto di Guerra e firma un paio di punti che portano al pareggio: 8-8. Ancora Tirozzi e Fabris da posto 2 sorpassano Novara: da 9-10 a 11-10. Le rosa lasciano qualche spiraglio a muro, Chirichella ne approfitta, Caprara non ci sta e ferma i giochi sul 12-14. Fabris trova l'opposizione di Bonifacio: 15-19 e timeout Casalmaggiore. Le cose non migliorano, Fabris sbaglia la battuta, Plak va in ace ed entra Turlea per dare fiato al martello rosa. Tirozzi e Stevanovic interrompono il break novarese ma il punteggio da sempre ragione a Novara che conduce 18-23. La protagonista del set Cristina Chirichella chiude il parziale sul 22-25 e Novara pareggia il conto.

 

Comandano le ospiti

Novara riparte come ha finito il periodo precedente: Barun ha il mancino definitivamente caldo e con due punti, porta le piemontesi sul 5-7. Il punto numero 16 di Fabris non basta a contenere la verve di Celeste Plak, abile a firmare il +4 sulla solita pregevole assistenza di Carlotta Cambi. Le ospiti continuano a comandare nel punteggio, ma Tirozzi tiene a contatto Pomì sul 12-13 con due punti degni della sua classe. Dopo il timeout, Novara allunga a +4 grazie all’errore di Guerra (13-17): da apprezzare il primo tempo di Bonifacio, segno del buonissimo momento delle centrali piemontesi. Caprara richiama le rosa sul 14-20, ma Barun non ne vuole sapere e solo la sua battuta lunga offre il cambio palla alla Pomì (16-21). Due punti di Fabris portano a -2 le rosa, la murata di Stevanovic carica il PalaRadi (21-22). Samanta Fabris in ace impatta sul 23 dopo un set di sofferenza per Casalmaggiore; il successivo servizio però esce ma la stessa opposta croata si fa perdonare subito in pipe: 24-24! Il video check regala il vantaggio a Novara, ma Plak continua ad essere fallosa al servizio. Chirichella in fast e Barun con un ace chiudono il terzo set a favore di Novara per 26-28.

 

Barun Mvp

Pomì chiamata all’ultima possibilità di rientro in partita, Novara dal canto suo spinge sull’acceleratore e vola sul 2-6 con Chirichella dal centro. La stessa napoletana si ripete in fast e va in battuta: Tirozzi manda Lloyd dai 9 metri sul 6-9. Plak trova il varco giusto da posto 4 e coach Caprara si gioca anche il secondo timeout sul 6-11. Fabris va lunga al servizio, Barun no: è il punto del 9-16 e Novara ha licenza di credere nella vittoria. Chirichella tiene il servizio e Cambi va a muro, 13-19. Pomì mette a referto un break di 4 punti con Bosetti e Fabris (31 punti sin qui per lei), così coach Fenoglio interrompe il gioco sul 17-19. La murata di Barun fa respirare Novara: il servizio di Cambi fa male alle rosa, 18-22. In men che non si dica, Novara allunga a +5: Barun piega le mani a Guerra e si procura 6 match points. Ironia della sorte è Samanta Fabris, dopo una partita da 32 punti, a regalare il 18-25 finale alle ospiti.

 

Pomì Casalmaggiore vs Igor Gorgonzola Novara 1-3

Parziali: 25-23, 22-25, 26-28, 18-25

 

Casalmaggiore: Lloyd 2, Bosetti 9, Gibbemeyer 3, Fabris 32, Guerra 3, Stevanovic 11, Sirressi (L), Tirozzi 10, Turlea; NE: Bacchi, Zuleta, Peric, Gibertini. All. G. Caprara.

 

Novara: Plak 12, Bonifacio 6, Barun 35, Piccinini 6, Chirichella 14, Cambi 2, Sansonna (L), Alberti, Donà, Pietersen, Zannoni, Barcellini; NE: Dijkema. All. M. Fenoglio.

 

Classifica
Imoco Volley Conegliano 37, Pomì Casalmaggiore 36, Igor Gorgonzola Novara 34, Foppapedretti Bergamo 29, Savino Del Bene Scandicci 24, Unet Yamamay Busto Arsizio 22, Liu Jo Nordmeccanica Modena 20, Sudtirol Bolzano 18, Il Bisonte Firenze 17, Saugella Team Monza 12, Metalleghe Montichiari 11, Club Italia Crai 10. 

 

Servizio e fotografie a cura di Davide Moroni

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù