A2 PASSI DA. Millenium Brescia, il ruggito delle leonesse spaventa la capolista Pesaro

La trasferta sul campo della capolista Pesaro appariva difficile e complessa per Brescia e, nonostante, la sconfitta (3-1) il ruggito e le zampate delle leonesse si sono fatte sentire sulle spiagge dell’Adriatico. Millenium esce tra gli applausi

Di Francesco Jacini | Lunedì, 21 Novembre 2016 12:24

 Vittoria Prandi, in copertina

 

 

Le padrone di casa sono al completo e coach Bertini ha potuto schierare il sestetto base, Di Iulio-Kiosi in diagonale, Olivotto e Mastrodicasa al centro, Degradi e Santini in posto 4 e l’esperta Ghilardi libero. Le all blacks devono fare a meno di capitan Viganò, non al meglio della forma, e Mazzola parte con Biava che chiuderà con 10 punti all’esordio da titolare in A2. Da segnalare i primi punti in cadetteria di Swan Dall’Acqua, Baldi si conferma scorer della squadra con 17 punti.

 

Rimonta finale

Le ospiti partono con il piede giusto (2-6), cogliendo di sorpresa le quotate avversarie. My Cicero prende le misure e pareggia i conti con un break di 4 punti, Biava riporta avanti Brescia, ma il sorpasso pesarese si concretizza poco dopo e coach Mazzola è costretto al time-out. Le leonesse rosicchiano punti, grazie all’ace di Lapi, e si portano sotto: Biava pesca il mani out del 16-16e il muro di Martinelli porta in vantaggio Millenium. Degradi e Koisi lanciano nuovamente le padrone di casa (22-20), Millenium sbaglia, troppo Pesaro innesta il turbo è si aggiudica il set parziale (25-20).

 

Gara a scacchi

Secondo set in sostanziale equilibrio fino all’8 pari, Pesaro inizia a spingere maggiormente, Brescia chiama il tempo per invertire la rotta e cambiando le pedine . Dentro Dall’acqua per Lapi e Zampedri per Saccomani ma le padrone di casa amministrano il margine di vantaggio. Il rientro di Excalibur, permette di restare in scia, Pesaro è incontenibile e chiude 25-21. Nel terzo parziale Brescia non si perde d’animo, Lapi rientra su Dall’acqua e si porta 1-4 e 4-8 nel terzo set. Pesaro, sospinta da Santini aggancia le bresciane (14-14 ma arriva la grande controreazione delle leonesse le porta (16-20), con Pesaro corre ai ripari con Pamio e Gamba. Mazzola getta nella mischia Dall’ara per Lapi al servizio e le ospiti riescono a mantenere vantaggio 19-23. Sfida a scacchi sotto rete con le squadre che alza il muro (dentro Mazzoleni per le bresciane), Baldi passa in pipe 21-24: Pesaro annulla due palle set, Mazzola chiama doppio time out, e Biava spegne le velleità di rimonta delle padrone di casa con una bordata che Ghilardi non riesce a contenere (23-25). Torre mangia Alfiere.

 

Pesaro Kiosi

Nel quarto ed ultimo set Pesaro prende il largo, Brescia si fa sorprendere nonostante giochi con cuore e grinta, non contiene gli attacchi di Kiosi. Mazzola prova l’ultima mossa con Garavaglia e Zampedri per Biava e Saccomani, il finale è favorevole alla myCicero che fa scacco matto. “Pesaro - commenta a fine gara il dg bresciano Emanuele Catania - ha gestito al meglio i finali dei set, giocando molto di esperienza. Avremmo dovuto fare più attenzione ma siamo stati in partita per tre parziali e questo fa ben sperare per il futuro, soprattutto il set vinto contro una formaizone ne aveva perso uno solo”. Una luce dorata all’orizzonte del mare d'inverno.

 

Campionato imprevedibile

Nonostante la sconfitta Brescia resta nelle posizioni medio alte ma le vittorie di Cisterna su Legnano e Mondovì accorciano la classifica. “Sapevamo che sarebbe stato un campionato imprevedibile - conclude Catania - che tutto può succedere”. Al vertice Pesaro e Filottrano salutano la compagnia, a proposito Filottrano farà visita al PalaMillenium, domenica 27 novembre, contro Brescia.

 

 

myCicero Pesaro – Millenium Brescia 3-1

Parziali: 25-20, 25-21, 23-25, 25-15

 

Pesaro: Matrodicasa 12, Degradi 16, Olivotto 9, Ghilardi (L), Gamba, Kiosi 19, Di Iulio 2, Santini 6, Pamio, Rimoldi, Tonello. A disposizione: Bussoli. Allenatore: Matteo Bertini. Assistente: Andrea Burini.

 

Brescia: Dall’acqua 2, Baldi 17, Garavaglia, Portalupi (L), Biava 10, Saccomani 11, Prandi 3, Martinelli 8, Zampedri, Mazzoleni, Dall’ara, Lapi 6. A disposizione: Viganò. Allenatore: Enrico Mazzola. Assistente: Marco Zanelli.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

 

 

Tiramisù