SECONDA DIVISIONE. Alla Dinamo Zaist non basta l'orgoglio, San Bassano storica salvezza

La Libertas chiude la pratica salvezza dopo una partita equilibrata ma vinta con merito. Le cremonesi si fanno rimontare clamorosamente nel quarto set perdendo ogni residua speranza. In esclusiva la fotogallery

Di Redazione | Lunedì, 23 Maggio 2016 06:29

 La Libertas San Bassano

 

 

Dopo una prima fase di studio, la compagine ospite tenta l'allungo portandosi sul 10-14 con il muro di Bassi. San Bassano prova a restare in gara con Orsi (15-19) ma la Dinamo Zaist appare più coesa e determinata. Quaini in battuta fa male a San Bassano, talmente male da chiudere il primo parziale sul 17-25.

 

Un riscatto veramente Bignamini

San Bassano vuole riscattarsi e parte bene nel secondo periodo, allungando sull'8-5. La Dinamo è accesa e riesce a recuperare (8-8), costringendo coach Viviani al timeout. San Bassano insiste e fa bene, soprattutto con Claudia Orsi che dal centro fa male (20-15). Ora Dinamo Zaist si perde anche su punti apparentemente facili, pur non essendo troppo distante nel punteggio. Martina Quaini prova a tenere le sue compagne in partita con il servizio mancino che falcidia la ricezione opposta. Arriva poi il murone di Bassi che spinge Viviani a interrompere il gioco sul 21-18. Maitti firma un ace ed arrivano diversi set point per San Bassano, che chiude con Bignamini dal centro sul 25-20, ristabilendo la parità.

 

Monologo di Orsi

Alta tensione ed equilibrio nel terzo set: un punto dopo l'altro, si arriva all'8-8, poi San Bassano prova ad allungare (11-7 del timeout Pisaroni), nonostante una Dinamo pienamente in partita. Terreran approfitta del momento propizio per flagellare la ricezione ospite, ma Quaini con il mancino illumina la diagonale (20-10). Orsi prosegue il monologo di casa con la battuta, così il parziale si chiude rapidamente sul 25-10.

 

Salvezza Viviani

Nonostante i persistenti problemi in ricezione per la Zaist, le squadre se la giocano a viso aperto. Quaini prova a rompere gli equilibri con un mancino strettissimo (12-13). Viviani richiama le sue sul 12-15 ma le cose sembrano non migliorare: trascinate dalla solita Martina Quaini, Dinamo Zaist si porta sul 13-20, consapevole che le chances di allungare la serie cominciano ad esaurirsi. San Bassano con orgoglio cerca la rimonta: il divario diminuisce punto dopo punto, anche per vari errori delle cremonesi. Sul 20-21 Pisaroni ferma il gioco, ma San Bassano pareggia con Bignamini e sorpassa con una bella murata centrale. Libertas arriva al match point e Orsi sentenzia le avversarie con il 25-23 che decreta la permanenza in Seconda Divisione per le ragazze di Viviani.

 

Libertas San Bassano - Dinamo Zaist 3-1

Parziali: 17-25, 25-20, 25-10, 25-23

 

San Bassano: Terreran, Anni, Devoti, Rancati, Dolera, Bignamini, Moretti, Orsi, Maitti, Faciocchi (L). All. Viviani.

 

Dinamo Zaist: Quaini, Mulattieri, Bassi, S. Perodi, El Bahy, Pisaroni, Migliazza, Sozzini, Gazzola, C. Perodi, Rossi, Borrelli (L). All. Pisaroni.

 

Arbitri: Pierangelo Acerbi e Roberto Bragalini

 

Servizio e fotografie a cura di Davide Moroni

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

 

 

Tiramisù