EVENTI. Crema, dibattito sullo sport giovanile: molti spunti di riflessione al Sant’Agostino

Nei giorni scorsi, presso la Sala Pietro da Cemmo a Crema, si è tenuto il dibattito sullo sport giovanile intitolato “Coach e mister – Troppo allenatori, poco educatori? – Carenze della tecnica di base e abbandono dell’attività”

Di Redazione | Mercoledì, 02 Marzo 2016 14:58

  Il tavolo dei relatori

 

 

Iniziativa promossa da Crema Città Europea dello Sport 2016 e organizzata grazie all’impegno di Mario Caccialanza, Massimo Parrella e Simone Donarini, l’iniziativa ha richiamato un buon pubblico di sportivi, genitori e appassionati, desiderosi di approfondire le interessanti tematiche di estrema attualità sportiva. Il giornalista Marco Conca e la psicologa Simona Previdi hanno introdotto le parole dei relatori, che hanno portato le esperienze delle proprie discipline sportive.

 

Condividere finalità e modalità

Filippo Giuliani, allenatore di calcio, ex Pergolettese e Pizzighettone, attualmente responsabile del settore giovanile dell’A.C. Crema 1908, ha evidenziato la necessità di operare una netta distinzione tra l’Attività di Base, completamente ludica, e quella agonistica. “Per far crescere umanamente e sportivamente ogni ragazzo è necessario tanto lavoro, ma anche un patto educativo tra genitori e allenatori, che possano condividere finalità e modalità del percorso da intraprendere insieme”, ha detto.

 

 

I presenti in sala Pietro da Cemmo

 

Esasperazione ed eccessi

Gloria Severgnini, istruttrice della Pallacanestro Crema, ha posto l’accento proprio sull’esasperazione e sugli eccessi che troppo frequentemente circondano il mondo dello sport giovanile: “Capita spesso che i ragazzi, poco dopo un tiro sbagliato, si girino verso la tribuna, più preoccupatidel rimprovero del proprio genitore, che non di ascoltare l’allenatore. Senza contare poi l’effetto che può avere per i più piccoli saper di essere ripresi sempre dalle telecamere dei genitori”. La crescita dei ragazzi deve quindi tornare ad avere centralità in tutte le giovanili di tutti gli sport.

 

Obiettivi ludici e obiettivi agonistici

Anche perché poi bisogna passare all’attività agonistica e serve che i ragazzi abbiano motivazione rispetto alla propria disciplina, come ricorda Matteo Moschetti, responsabile tecnico del progetto Volley 2.0 dalla grande esperienza, anche a livello nazionale con la Foppapedretti Bergamo. “Sono molto diversi gli approcci da parte di chi ha obiettivi ludici e di chi ha obiettivi agonistici” , ha detto, “Naturalmente meno si chiede, meno si avrà dai ragazzi. Credo che le società che ambiscono a formare giocatori debbano cercare di alzare il livello qualitativo della proposta: ”.

 

 

Servizio a cura di Romano Lombardi

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù