MONDIALI FEMMINILI. Caterina Bosetti alla vigilia di Italia-Porto Rico

ARNHEM (PAESI BASSI). Archiviata la prima vittoria nel Campionato Mondiale 2022, la nazionale italiana femminile ha osservato una giornata di riposo, in attesa del match contro Porto Rico (ore 18). La gara sarà trasmessa in diretta su RAI 2, Sky Sport 1 e Sky Sport Arena

Di Redazione | Lunedì, 26 Settembre 2022 07:57

Caterina Bosetti


“Non è stata una partita bellissima - il commento di Caterina Bosetti – Va bene così, sapevamo che all’esordio non sarebbe stato facile tenere un ritmo alto e mostrare una gran pallavolo. Diciamo che abbiamo rotto il ghiaccio in questo Mondiale e preso le misure anche al campo di gioco. L’importante era conquistare la vittoria e i 3 punti con un risultato secco, iniziando nel migliore dei modi il torneo.

Eravamo consapevoli fin dalla vigilia che questo girone non c’avrebbe consentito di trovare facilmente il nostro ritmo, per questo motivo sarà importante sfruttare le prime gare per crescere a livello di condizione fisica. Dobbiamo fare il pieno di vittorie e punti, perché ci saranno molto utili nella seconda fase. Bisognerà stare attente a non commettere passi falsi e complicarci la vita. Ieri per esempio abbiamo visto la vittoria della Thailandia sulla Turchia, le asiatiche sono un gruppo che quando è in giornata può creare problemi a chiunque. In una competizione d’altissimo livello, come il Mondiale, le sorprese possono sempre spuntare fuori: la concentrazione va tenuta alta.

Stiamo vivendo un momento sereno, in cui non si avvertono quelle tensioni che magari ci saranno per le sfide più difficili, lì si entrerà nel momento clou del Mondiale. Fisicamente la condizione è buona e speriamo di crescere con il passare delle gare. Rispetto alla mia prima rassegna iridata (nel 2014 in Italia n.d.r.) sto vivendo quest’esperienza in maniera diversa, in quel torneo non avevo un ruolo da protagonista, però giocare un Mondiale in casa, davanti a un grande pubblico che ti incita, è qualcosa di speciale. Adesso sono completamente un’altra persona e un’altra giocatrice, di conseguenza sto approcciando differentemente questa competizione. Ho una consapevolezza maggiore e anche come squadra abbiamo un’identità ben definita, sapendo dove vogliamo arrivare”.

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù