SERIE B1. BluVolley, capitan Diletta Sestini lancia il rush finale

QUARRATA (PT). Un passato importante. Glorioso, ricco di soddisfazioni. Quindici stagioni per un’ideale Giro per l’Italia dove avrebbe indossato la maglia rosa, scrivendo sia allo sprint sia a cronometro ed in salita la storia delle società in cui ha vestito e difeso la maglia

Di Francesco Jacini | Giovedì, 18 Marzo 2021 08:56

Diletta Sestini


“Arriva un momento speciale nella vita di tutti, un momento per il quale quella persona è nata. Quella speciale opportunità, quando egli la coglie, soddisferà la sua missione – una missione per la quale egli è singolarmente qualificato. In quel momento, egli trova la grandezza. È la sua ora più bella” (Winston Churchill).

Toscana come Mario Cipollini, il Re Leone del ciclismo italico, Diletta Sestini da Prato nella stagione 2020/2021 ha deciso di ritornare a casa, accettando la proposta del BluVolley Quarrata, ambiziosa società del pistoiese, e diventandone capitano. Non è stata una stagionale facile, le ambizioni dii una stagione da protagonista (visto l’organico allestito) sono state subito spente ma le ultime due gare, successo contro Empoli ed il colpaccio a Capannori sul campo della Nottolini hanno riacceso il fuoco nei cuori delle biancoazzurre pistoiesi per proseguire al meglio la stagione, regalando qualche piccole soddisfazione e mostrando un Quarrata molto diverso dalle prime uscite.

“Siamo partite male – spiega Diletta -. Non riuscivamo ad esprimere un buon gioco, nonostante in alcune gare perse, come ad esempio a Genova e contro Castelfranco, in alcuni momenti si è visto qualcosa di buono, non riuscivamo a trovare continuità. La vittoria contro Empoli è stata strameritata perché abbiamo mostrato il risultato del lavoro che stiamo facendo. Questo è un campionato atipico siamo state ferme due mesi ed è stato un perso del tempo, l’arrivo di Marco Bracci ha rimpostato il lavoro in allenamento ed i risultati si stanno vedendo”.

Per chiudere la prima fase a Diletta e compagne mancano ancora tre gare, l’andata e ritorno contro Acqui Terme e Genova in casa. “Non era facile giocare con il peso di tutte quelle sconfitte – prosegue -. Vincere ci ha aiutato a trovare più sicurezza e crescere l’entusiasmo. Con Nottolini siamo state brave noi, adesso dobbiamo proseguire su questa strada e lavorare con determinazione, facendo il possibile per vincere le ultime tre partite del girone. Non so come si evolverà il futuro non sappiamo cosa succederà, ma sappiamo che contro Genova vogliamo dare continuità al lavoro che stiamo facendo, ci sono 9 punti in ballo e dobbiamo di fare il possibile per continuare questa striscia vincente".

Dopo tre lustri, Diletta la Leonessa di Prato, è ritornata nella sua amata Toscana per aggiungere una nuova medaglia ad una carriera incredibile dove ha lasciato il segno dove è stata dal Nord al Sud dello Stivale. "Un po’ per la situazione pandemica, un po’ per l’età, gli anni avanzano (e ride, ndr), un po' la voglia di ritornare a casa. Con la Blu Volley ci sono statu dei contatti due stagioni fa, mi è stato presentato un bel progetto ed ho preso questa decisioni".

Un passo indietro per dare lanciarsi verso il futuro. Sette promozioni in carriera: due in A1 nel 2008 e nel 2009 a Piacenza, e ben cinque in A2 (tutti in anni dispari), Fontanellato 2011, Breganze 2013, Pesaro 2015, Ravenna, 2017 e Aprilia 2019. "Sono tutte bellissime in modo diverso: la prima Castellana Grotte è stata particolare quando siamo passate, grazie alla sconfitta di Milano contro Nocera Umbra, per un quoziente punti più alto e per come è avvenuta e particolare bella. Piacenza la meno inaspettata (la squadra era molto forte, ndr). A Fontanellato ho lasciato il cuore ed i derby contro Casalmaggiore al secondo anno sono stati divertiti . A Pesaro la squadra è stata costruita per vincere,, abbiamo perso solo due partite mentre la promozione di Ravenna è arrivata l'anno dopo il mio intervento al crociato. Quella di Aprilia davvero inaspettata, una squadra non costruita per vincere ma gestita ottimamente gestita da coach Nino Gagliardi è stato" conclude.

Arrivando all’oggi, primavera 2021, Diletta è diventata imprenditrice e gestisce insieme ad un’amica un negozio di abbigliamento femminile nel centro di Prato. Sono convinto che se la sua attività commerciale sarà gestita come la sua carriera, non ci sono dubbi che sarà un successo. Nel mentre ci sono pagine ancora da scrivere con il Blu Volley Quarrata in un futuro non molto lontano.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù