IN SALUTE. Siamo quello che BEVIAMO⁣

Sappiamo tutti che il nostro corpo è composto per il 70-80% da acqua, quindi è semplice dedurre che è l’elemento che non deve MAI mancare nelle nostre giornate!⁣

Di Redazione | Martedì, 05 Gennaio 2021 12:58

La Dottoressa Lisa Cheli

 

Si consiglia di bere circa 2L al giorno, proprio per aiutare il nostro organismo ad avere sempre il “carburante” necessario per le funzioni vitali. Insieme ad una corretta alimentazione e a uno stile di vita sano, la macchina-corpo funzionerà in maniera IMPECCABILE!⁣

Cosa succede se si beve poco? Ci si disidrata. Questo avviene sia se si beve poco, sia se si hanno patologie intestinali, urinarie, respiratorie o cutanee che ne provocano una maggior espulsione dal corpo. La disidratazione comporta MAL DI TESTA, DIFFICOLTÀ DI CONCENTRAZIONE, SECCHEZZA DI BOCCA E OCCHI, APATIA, AFFATICAMENTO, CRAMPI MUSCOLARI. Nei casi più gravi anche NAUSEA, VERTIGINI, SDOPPIAMENTO DELLA VISIONE e PERDITA DI CONOSCENZA.⁣

Basta una disidratazione dell’1% rispetto al peso corporeo a provocare alcuni di questi sintomi. Se aumenta al 2% vengono compromessi i processi di termoregolazione e volume plasmatico!⁣
Fino al 4% si hanno cali di prestazioni fisiche, sonnolenza, aumento della temperatura e frequenza respiratoria.⁣

Si può tranquillamente bere acqua frizzante/lievemente frizzante o addizionata ad anidride carbonica. Solo in soggetti che hanno fastidi intestinali andrebbe limitata o evitata, ma nei soggetti sani non comporta alcuna problematica!⁣
Cosi come si può bere l’acqua del rubinetto. È un po’ più “pesante” a livello gustativo e per chi riconosce i guati delle acque (come me) magari non è molto gradita; a livello igienico è controllata come l’acqua in bottiglia! ⁣
[Se dovessero esservi contaminazioni, il Comune provvederà ad avvertire gli abitanti e a bloccarne l’uso per il periodo di tempo necessario].⁣

Per la rubrica “il troppo stroppia” anche bere TROPPA ACQUA può provocare condizioni di IPERIDRATAZIONE, anche se sono abbastanza rare, che si verificano quando l’introito è superiore alla velocità massima di escrezione da parte dei reni.⁣

 

Servizio a cura di Lisa Cheli

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

 


Lisa Cheli

Nata a Prato nel 1992, centrale nelle ultime stagioni ha giocato con Pinerolo ed Offanengo, in questa stagione a Vicenza, è laureata in Scienze della nutrizione umana con il punteggio di 110/110. Da gennaio 2020 è iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi. Per saperne di più è possibile consultare la pagina facebook Lisa Cheli - Biologa nutrizionistainstagram ed il blog.

IN SALUTE

1) Cereali integrali, fonti proteiche e piatti gustosi da preparare 2) Stare bene essendo felici.‍ Quale è miglior modo? 3) Impariamo a conoscere gli alimenti 4) Miele e zucchero, i due dolcificanti di riferimento della nostra cucina 5) I benefici proteici della frutta secca 6) Conosciamo il valore biologico del latte 7) I benefici delle numerose varietà di verdure verdi 8) L'alta percentuale di antiossidanti nel colore viola delle verdure 9) Pomodori, ravanelli e peperoncino: tutta la forza della verdura rossa 10) La frutta consumarla lontano o durante i pasti? I consigli di Lisa Cheli 11) Al latte o fondente? Differenze e caratteristiche del cioccolato 12) Dormire poco e male fa ingrassare 13) Il sushi fa ingrassare? Ecco cosa dice la dottoressa Lisa Cheli 14) Gallette e Wasa, conosciamo la differenza 15) La dottoressa Lisa Cheli ci racconta i benefici dei legumi 16) Etichette dei prodotti alimentari come leggerle quando facciamo la spesa 17) Allergie crociate - cross reaction, i consigli di Lisa Cheli 18) I rischi sull'uso ed abuso degli alcolici, i consigli di Lisa Cheli 19) La dottoressa Lisa Cheli spiega le intolleranze alimentari 20) La parola DETOX é un altro concetto di DIETA/MODA degli ultimi tempi 21) La Dottoressa Lisa Cheli illustra le linee guida per consumare salumi ed affettati 22) La Dottoressa Lisa Cheli ci indica come gestire i pranzi al lavoro 23) Zuccheri e calorie nelle bevande come gestirle

Tiramisù