PRIMA DIVISIONE. Libertas Piceleo, il direttore tecnico Alessandro Vassallo presenta i gruppi squadra 2020-21

PIZZIGHETTONE (CR). Ringiovanimento per la prima squadra, crescita step-by-step per le giovanili: ecco le prerogative della società del presidente Matteo Alberichi.

Di Redazione | Domenica, 11 Ottobre 2020 07:57

La Libertas Piceleo

 

La parola a coach Alessandro Vassallo.“La prima squadra per 9/14 è stata confermata ed è stata ringiovanita con l’inserimento di due giocatrici provenienti dalla Seconda Divisione, oltre ad alcuni ritorni dovuti alla scadenza di prestiti - esordisce il confermato allenatore sulla panchina della prima squadra rivierasca -. A mio parere è stato allestito un organico che sicuramente può dire la sua nel prossimo campionato. L’anno scorso, prima dell’interruzione forzata per il Covid-19, ci siamo assestati al terzo posto, a -1 dalla vetta, con una squadra di un certo tipo. Ritengo che quest’anno la squadra sia stata ulteriormente migliorata quindi sarebbe ipocrita dire che puntiamo a salvarci o cose simili. L’obiettivo è dire la nostra e a fare bella figura in campionato. Sicuramente non si può tralasciare il discorso Coronavirus: durante l’annata potrebbero capitare situazioni di positività in squadra, che porterebbero al ‘blocco’ di tutte le compagne, piuttosto che tra le avversarie quindi questo resta un’incognita importante. La cosa che più mi interessa è che ormai è da più di un mese che ci stiamo allenando, talvolta piuttosto bene, vedo grande entusiasmo quindi non posso che essere contento delle ragazze, dell’impegno che ci stanno mettendo e di tutto quello che riescono a sopportare, nonostante ci siano diversi protocolli da rispettare in palestra (distanziamento, utilizzo degli spogliatoi, eccetera). Tutto sommato, sono contento”.

“Per quanto concerne il giovanile, siamo riusciti ad allestire due gruppi squadra che militeranno in quattro campionati. Il gruppo squadra immediatamente successivo al corso S3, che ritengo fondamentale per qualsiasi società sportiva, perché è il bacino dal quale si trae linfa vitale per le squadre a salire, soprattutto per la prima squadra, è formato da 17 ragazze che parteciperanno al campionato di Under 13 ed Under 14, a seconda della fascia d’età, che saranno supportate appunto da 5-6 ragazze che fuoriescono dal corso S3. Poi abbiamo il gruppo di Seconda Divisione - Under 17, composto da 19 ragazze delle quali 10 potranno solo disputare il campionato di Seconda e 9 pronte per l’Under 17. Il gruppo più giovane sembra ristretto però, non essendoci compartimenti stagni tra un gruppo e l’altro, a queste 9, a seconda dell’impegno, ci saranno delle convocazioni dalla squadra Under 13-14, che daranno man forte per il campionato superiore. Stessa cosa per la Seconda Divisione: non affronteremo la gara in 10, quindi a rotazione ci saranno 2-3 ragazze dell’Under 17 che verranno convocate. Il tutto non distaccato dalla Prima Divisione: le ragazze in età per la Seconda, in caso di bisogno, verranno convocate anche con la Prima. In definitiva, questo è il progetto della società: è certamente impegnativo, però voglia di lavorare e disponibilità non mancano. Adesso bisogna vedere i risultati che verranno dopo settimane e settimane di allenamenti: se sarà confermato l’inizio dei campionati, le giovanili esordiranno dopo circa tre mesi di allenamenti, la Prima e la Seconda Divisione dopo circa due mesi e mezzo. Vedremo come andrà e stringiamo le dita”.

Servizio a cura di Davide Moroni

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù