SERIE C. Cr Transport, Viola Zagni illuminerà la regia dell’attacco arancionero

RIPALTA CREMASCA (CR). Il team del presidente Cristoforo Lorenzetti si prepara a ritentare la fortuna nel campionato di serie C ed opta al palleggio per la giovane alzatrice cremonese, proveniente da tre anni di crescita in B

Di Redazione | Venerdì, 22 Maggio 2020 07:13

Viola Zagni, nuovo acquisto del Ripalta Cremasca

 

A Ripalta Cremasca, in questi anni di permanenza nei campionati regionali, i tifosi si sono abituati alla regia sapiente di Paola Tomasini. Appurata però la decisione dell’esperta regista di voler concludere la propria carriera sotto rete, la società del presidente Cristoforo Lorenzetti è subito corsa ai ripari ingaggiando una delle giocatrici più promettenti del panorama cremonese: Viola Zagni, classe 2001, in arrivo dall’Esperia Cremona.

Cresciuta nelle giovanili del Corona, Viola approda alla CavaSesto dove raggiunge la promozione in Prima Divisione. Il suo talento viene presto notato dalla Csv-Ra.ma Ostiano, che la inserisce nell’organico della B2. Un’altra stagione ad Ostiano in B1 per poi tornare all’ombra del Torrazzo, vestendo il gialloblù Esperia.

“Ho scelto Ripalta perché la società è seria e con progetti ambiziosi - osserva Viola -. Mi hanno fatto una buona impressione, a partire dal direttore sportivo Plinio Bolzoni che si è dimostrato molto disponibile nei miei confronti e anche Claudia Stringhi, con cui ho giocato in B2 a Ostiano tre anni fa, che me ne ha parlato davvero bene. Ho ricevuto qualche altra offerta, da squadre della zona, ma alla fine mi sono decisa a scegliere Ripalta, tra l'altro anche molto comoda per gli spostamenti in università”.

Incredibile ma vero, Viola vanta tre anni di esperienza in serie B, provenendo però dalla Prima Divisione: non ha mai giocato dunque in un campionato regionale. “Non ho mai giocato in serie C e per questo non so come sia il livello: sicuramente l'impegno sarà minore, anche se ovviamente è necessaria ambizione per vedere i risultati maturare sul campo. Mi aspetto un gioco un po' più lento e le giocatrici meno alte, ma questo non vuol dire che non ci sia competizione, anzi mi aspetto che il gioco di squadra paghi più delle individualità”.

Viola non vede l’ora di ritornare a calcare il campo di gioco. “Mi aspetto di vedere un buon campionato, tanta voglia di vincere da parte della mia futura squadra e delle compagne. Per quanto mi riguarda, cercherò di mettere in campo tutto quello che ho imparato in questi anni, sia dai miei allenatori che dalle mie compagne di reparto e non, che mi hanno sempre aiutato a migliorare sia tecnicamente sia caratterialmente”.

 

Servizio e fotografie a cura di Davide Moroni

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù