BALOO VOLLEY IN TOUR. Conosciamo Napoli, i miracoli della pallavolo secondo San Gennaro

Riparte il viaggio di Baloo Volley in Tour in questa occasione l'altro viaggio virtuale fa tappa in una città famosa in tutto il mondo per la bellezza dei suoi paesaggi e per la proverbiale ospitalità delle persone, stiamo parlando di Napoli

Di Redazione | Lunedì, 18 Maggio 2020 15:15

 Scorcio panoramico del Golfo di Napoli

 

Comune di 954200 abitanti, circa capoluogo di regione della Campania è la terza città per popolazione in Italia. Fondata dai Cumani nel tredicesimo secolo avanti Cristo fu tra le città più importanti della Magna Grecia e giocò un ruolo notevole per il commercio culturale e religioso nei confronti delle popolazioni circostanti dopo il crollo dell'Impero Romano. Nel VIII secolo la città formò un proprio Ducato autonomo indipendente dall'impero Bizantino per circa 600 anni fu capitale del Regno di Napoli con la restaurazione divenne capitale del Regno delle Due Sicilie sotto i Borboni fino alla costituzione del Regno d'Italia. A Napoli, che significa dal greco Città Nuova, ha sede dell'Università più antica del mondo fondata nel 1224: la Federico II. Protagonista dell'Umanesimo (movimento culturale ispirato da Francesco Petrarca) e centro illuminista (movimento culturale filosofico e sociale sviluppato intorno al XVIII secolo in Europa), città dall'imponente tradizione nel campo delle arti figurative e affonda le proprie radici nell'età classica ha dato luogo a movimenti architettonici e pittorici originali quali il rifacimento napoletano il Barocco napoletano, il liberty, il caravaggismo e la scuola di Posillipo nonché ad Arti Minori ma di rilevanza internazionale quali la porcellana di Capodimonte ed il presepe napoletano.

La tradizione culinaria napoletana comprende piatti fama mondiale tra questi annoveriamo la pizza napoletana la pasta morbida e sottile ma dai bordi alti essa è intesa su scala mondiale come la pizza italiana per antonomasia dal 2010 è riconosciuta come specialità tradizionale garantita dall'Unione Europea dal 2017. Nel 1995 in centro storico di Napoli è stato riconosciuto dall'UNESCO patrimonio mondiale dell'umanità per i suoi eccezionali monumenti che testimoniano successione di culture del Mediterraneo e dell'Europa nel 1997 l'apparato vulcanico somma Vesuvio è stato eletto tra le riserve mondiali della biosfera (qualifica internazionale assegnata dall'UNESCO per la conservazione e la protezione dell'ambiente).

Durante la seconda Guerra mondiale Napoli subì numerosi bombardamenti con circa 200 raid aerei il numero di morti intorno ai 25.000 in gran parte tra la popolazione civile dopo la resa del Regno d'Italia avvenuta nel settembre del 1943 agli alleati Napoli fu teatro di una storica insurrezione popolare chiamata le quattro giornate di Napoli i civili con l'apporto dei militari fedeli al regno del Sud riuscirono a liberare la città dall'occupazione delle forze della tedesche durante il Secondo Dopoguerra ci fu il referendum per decidere la forma di governo italiano tra monarchia e repubblica, referendum che ha visto vincere i repubblicani. Il napoletano Enrico De Nicola è stato il primo presidente.
Il terremoto dell'Irpinia nel 1980 si fece sentire anche a Napoli provocando la morte di 52 persone e gravi danni al turismo nel 1994 la città ha ospitato il G7 la conferenza mondiale dell'ONU per la lotta contro la criminalità organizzata iniziando così un percorso di relativa rinascita. In epoca medievale e moderna la città divenne uno dei centri storici per la lavorazione del tessile in particolare della seta in età industriale nacque il primo grande complesso metalmeccanico del paese ovvero quello del Pietrarsa che conobbe un notevole sviluppo economico ed industriale nel ventennio successivo turisticamente parlando Napoli è una delle destinazioni preferite dai turisti nel Golfo di Napoli la linea costiera del Golfo misura 195 chilometri. In posizione dominante sul Golfo c'è il vulcano Vesuvio uno dei due vulcani attivi in Europa nonché uno dei più pericolosi al mondo a causa della numerosa popolazione nelle vicinanze fa parte della catena dell'Appennino Campano ed è alto 1285 metri Napoli ha anche un suo arcipelago composto da ben cinque isole Ischia, Capri, Procida, Vivara e Nisida.

Napoli è famosa anche per la maschera di pulcinella inventata dall'attore Silvio Fiorillo nei primi decenni del seicento un personaggio famoso dì Napoli è Eduardo de Filippo considerato uno dei maggiori artisti italiani del Novecento è stato autore di numerose opere teatrali da lui stesso messe in scena ed interpretate anche tradotte in lingue estere tra i prodotti tipici del territorio napoletano annoveriamo la mozzarella di bufala campana che può vantare la denominazione di origine protetta tra i cantanti nativi di Napoli ricordiamo Pino Daniele cantautore, scomparso nel 2015.

Santo patrono si festeggia San Gennaro il 19 settembre. San Gennaro il santo principale il Napoli nel cui Duomo si custodiscono le Ossa e due antichissime ampolle contenenti il sangue del Santo nato a Napoli il XXI Aprile 272 è venuto a mancare il 19 settembre 305 a Pozzuoli il santo è molto venerato a Napoli per via del miracolo del sangue cioè il rito della liquefazione e secondo la tradizione fu raccolto dal suo corpo dopo il suo martirio il rito prevede estrazione di una ampolla da una nel duomo di Napoli è l'esposizione ai fedeli il rito si ripete tre volte l'anno a maggio a settembre e a dicembre l'ampolla ha una forma di una lente di ingrandimento con il manico d'argento.
Nella pallavolo Napoli ha raggiunto notorietà negli anni '90. Nel maschile ha preso parte alla A2 nel 1992-93. Due anni dopo ottenne la sua prima promozione in A1, retrocessa una prima volta nel 1996-97, fu reiscritta all'A1 dopo l'acquisizione dei diritti sportivi della Colmark Brescia. Il ritorno in A2 fu però solamente posticipato di un anno. Nel 2000 la Com Cavi, afflitta dal problema della mancanza d'impianti idonei in città, firmò una partnership con l'Indomita di Salerno e giocò la stagione 2000-01, terminata con la retrocessione in Serie B. Nel 2003, dopo la seconda retrocessione consecutiva e la caduta in B2, il club partenopeo scomparve definitivamente.
Nel femminile la società più importante è il Centro Ester che negli anni '90 è stata ai vertici dle volley nazionale. Nel suo palmares vanta due 2 Coppe di Italia di B, una di A2 ed una Coppa delle Coppe, vinta nel 1999. Nelle ultime stagioni ha preso parte al torneo di B2.

 


BALOO VOLLEY IN TOUR

Per conoscere la prima parte di Baloo Volley In Tour. 1) Conosciamo Cremona, la città all'ombra del Torrazzo 2) Conosciamo Parma, i grandi successi della città Ducale 3) Conosciamo Reggio Calabria, la pallavolo sulla punta dello Stivale 4) Conosciamo Torino, il volley all'ombra della Mole 5) Conosciamo Matera, il forte legame tra la città dei Sassi e la pallavolo 6) Conosciamo Crema, città di cultura, cosmesi e pallavolo 7) Conosciamo Spoleto, la città nativa dello Zar Ivan 8) Conosciamo Castellana Grotte, faro della pallavolo nelle Murgie 9) Conosciamo Bolzano, i tesori pallavolistici tra le Dolomiti 10) Conosciamo Roma, come è nata la Città Eterna 11) Conosciamo Falconara Marittima, il volley sulle sponde dell'Adriatico 12) Conosciamo Agrigento, la pallavolo dalla Valle dei Templi 12) Conosciamo Catania, quando gli Scudetti parlavano siciliano 13) Conosciamo Treviso ed un'irripetibile storia pallavolistica 14) Conosciamo Santa Croce sull'Arno, l'orgoglio del volley pisano 15) Conosciamo Asti ed un volley tutto spumeggiante 16) Conosciamo Mantova, il volley decantato dal sommo poeta Virgilio 17) Conosciamo Orvieto, il volley nel segno Agricola Zambelli 18) Conosciamo Sala Consilina, il volley col nome di Antares 19) Conosciamo Bologna e la pallavolo secondo San Petronio 20) Conosciamo Montichiari, la tradizione del volley bresciano 21) Conosciamo Jesi, un decennio nel volley di vertice 22) Conosciamo Tortolì e la prima volta della Sardegna nel volley di serie A1 23) Conosciamo San Donà di Piave, quando il volley entra nella storia 24) Conosciamo Manerbio, storie di volley in provincia 25) Conosciamo Frosinone, poche ma intense stagioni nell'Olimpo del Volley 26) Conosciamo Romanengo, quando il volley (e non solo) colora la campagna 27) Conosciamo Vicenza, il volley progettato da Palladio 28) Conosciamo Bari, il primo tricolore del Sud Italia 29) Conosciamo Desenzano del Garda, il volley che ha sfiorato la promozione nei tornei nazionali 39) Conosciamo Reggio Emilia, la pallavolo che accende il Tricolore 40) Conosciamo Ancona, la pallavolo sulle sponde del Conero 41) Conosciamo Lodi, la pallavolo nella Città del Guerriero

 

Servizio a cura di Marco Boldini

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù