Conosciamo Romanengo, quando il volley (e non solo) colora la campagna

Prosegue l'appuntamento con Baloo Volley in tour. Il nostro viaggio virtuale in giro per lo stivale in questa occasione ci occupiamo di Romanengo, comune cremonese, situato a Nord Est della provincia, nel cuore della Pianura Padana

Di Redazione | Venerdì, 08 Maggio 2020 06:23

La Rocca ed una panoramica di Romanengo

 

Gli abitanti sono, secondo le ultime stime, 3147. I Santi patroni sono San Giovanni Battista e Biagio e si festeggiano la prima domenica di ottobre con la tradizionale sagra. Nel territorio comunale è presente un castello la cui fondazione risale al 1192 come luogo strategico, usato dall'Imperatore Federico Barbarossa, al confine nord occidentale del territorio Cremonese con quello cremasco con la finalità di controllare il deflusso delle acque diretta verso Cremona. Le mura vennero demolite intorno alla metà dell'Ottocento ma ne sono visibili ancora alcuni tratti dove resta l'antica Rocca. Ristrutturata recentemente ora è sede dell'EcoMuseo del Pianalto e a fianco si torva la Rsa Gaspare Vezzoli che al momento ospita una cinquantina di degenti.

Nel territorio passa anche la riserva naturale Naviglio di Melotta che oltre a ricordare per alcuni tratti la Contea, descritta da Tolkien nel Signore degli Anelli. attraversa, oltre Romanengo, i comuni di Casaletto di Sopra, Ticengo e Soncino la presenza di scarpate lungo il Naviglio ha permesso di conservare le più ampie aree boscate della provincia si nota la presenza di pioppo salice bianco e il platano. Fino agli anni settanta erano presenti anche lontre e gli scoiattoli. Oggi tra la fauna presente segnaliamo tassi, volpi e faine.

Tra il 1880 ed il 1931 Nella località era presente una fermata della tranvia Crema Lodi Soncino ( tale infrastruttura rappresentava un importante collegamento tra la rete interurbana Bresciana e quella Milanese). Paese, soprattutto agricolo, dal punto di vista industriale Romanengo è tristemente nota per la Inar che dal 1951 fino al 1991 faceva lavorare diversi dipendenti ma a causa dell'utilizzo materiali cancerogeni amianto) sono venuti a mancare numerosi dipendenti. Dal 2014 il sindaco è Attilio Polla (rieletto all'ultima tornata elettorale del 2019) che guida una lista civica di centro destra ed il parrocco è il bergamasco don Emilio Merisi. Altre attività importanti sono state la manifatturiera e l'industria metalmeccanica.

Romanengo, in passato, è stato conosciuto per l'auditorium, intitolato a Galileo Galilei, dove per aani si sono svolte numerose rappresentazioni culturali. Importante cittadino romanenghese è l'attore Pippo Crotti, nel corso della carriera ha collaborato con attori del calibro di Giorgio Tirabassi nella serie televisiva Squadra Mobile, Checco Zalone in Quo Vado e Fiorello su RaiPlay.

Dal 1966 è presente la sezione Avis, Associazione Volontari Italiani del Sangue (cui seguiranno la nascita di quelle Aido ed Admo) che conta oltre un centinaio di iscritti ed organizza l'omonima festa popolare. Il presidente della locazione sezione è Mauro Cavalli. Inoltre a Romanengo ha la sede una sezione dell'Associazione Nazionale Bersaglieri, dedicata alla memoria di Lugi Amigoni (scomparso nel 1983), grande invalido della Seconda Guerra Mondiale. 

Sportivamente parlando Romanengo è famoso per l'attività ciclistica sia come corridori (Diego Pini, Miriam Vece, i gemelli Alberto ed Erminio Gatti) sia per i dirigenti (Giusepep Gabbini, Eugeno Mazzani e Giacomo Grimaldelli). dal 2009 ha sede l'importante corsa denominata Crono Individuale, organizzata dal Pedale Romanenghese. Nel 2016 è stata sede del campionato italiano. Dal 1980, invece, la società calcistica, A.C. Romanengo allieta le domeniche dei cittadini: al momento partecipa con buoni risultati al campionato regionale di Promozione. L'allenatore è il bresciano Roberto Scarpellini.

La storia della Pallavolo Romanengo risale agli anni '80 sotto l'impulso di Domenico Soldo ed Angelo Pedrini. Nel 1999 è nata la sinergia con il Trigolo Volley, proseguita sino al 2012, e che per alcuni stagioni ha coinvolto anche la Pallavolo Soncino; il punto massimo è stato il campionato di Prima Divisione Ora il New Volley Romanengo prende parte ai campionati del Centro Sportivo Italiano di Crema con ottimi risultati. Sono originari di Romanengo i pallavolisti Alessandro Coloberti (Reima Crema), Claudia Anzelmo (Vigolzone, Volley Lodi) ed Ester Cattaneo (capitano del Volley 2.0 Crema) e Francesco Jacini (giornalista sportivo e collaboratore della Millenium Brescia e dirigente del Nure Volley). Altro sportivo importante è il cestista Gustavo Tolotti che vanta numerosi campionato in A1 a Reggio Calabria e Roseto ed ha vestito più volte la maglia azzurra. Dal 1998 ogni estate si tiene la Festa dello Sport.

 


BALOO VOLLEY IN TOUR

Per conoscere la prima parte di Baloo Volley In Tour. 1) Conosciamo Cremona, la città all'ombra del Torrazzo 2) Conosciamo Parma, i grandi successi della città Ducale 3) Conosciamo Reggio Calabria, la pallavolo sulla punta dello Stivale 4) Conosciamo Torino, il volley all'ombra della Mole 5) Conosciamo Matera, il forte legame tra la città dei Sassi e la pallavolo 6) Conosciamo Crema, città di cultura, cosmesi e pallavolo 7) Conosciamo Spoleto, la città nativa dello Zar Ivan 8) Conosciamo Castellana Grotte, faro della pallavolo nelle Murgie 9) Conosciamo Bolzano, i tesori pallavolistici tra le Dolomiti 10) Conosciamo Roma, come è nata la Città Eterna 11) Conosciamo Falconara Marittima, il volley sulle sponde dell'Adriatico 12) Conosciamo Agrigento, la pallavolo dalla Valle dei Templi 12) Conosciamo Catania, quando gli Scudetti parlavano siciliano 13) Conosciamo Treviso ed un'irripetibile storia pallavolistica 14) Conosciamo Santa Croce sull'Arno, l'orgoglio del volley pisano 15) Conosciamo Asti ed un volley tutto spumeggiante 16) Conosciamo Mantova, il volley decantato dal sommo poeta Virgilio 17) Conosciamo Orvieto, il volley nel segno Agricola Zambelli 18) Conosciamo Sala Consilina, il volley col nome di Antares 19) Conosciamo Bologna e la pallavolo secondo San Petronio 20) Conosciamo Montichiari, la tradizione del volley bresciano 21) Conosciamo Jesi, un decennio nel volley di vertice 22) Conosciamo Tortolì e la prima volta della Sardegna nel volley di serie A1 23) Conosciamo San Donà di Piave, quando il volley entra nella storia 24) Conosciamo Manerbio, storie di volley in provincia 25) Conosciamo Frosinone, poche ma intense stagioni nell'Olimpo del Volley

 

Servizio a cura di Marco Boldini

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù