BALOO VOLLEY IN TOUR. Conosciamo Asti ed un volley tutto spumeggiante

Ennesimo appuntamento con la nostra rubrica Baloo Volley In Tour history in questa occasione viaggiamo ad Asti, capoluogo piemontese

Di Redazione | Lunedì, 27 Aprile 2020 15:55

La cattedrale


Settantaseimila abitanti si festeggia San Secondo il primo martedì del mese di Maggio ed è il quarto comune della regione per numero di abitanti fu sede del Ducato di Asti. Ducato Longobardo della Neustria (parte centro settentrionale del Regno Longobardo) fu uno dei più importanti centri commerciali tra il dodicesimo e il tredicesimo secolo quando i suoi mercanti svilupparono commercio in tutta Europa è conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini in particolare lo spumante D'Asti. Ogni anno nel mese di settembre sì tiene uno dei concorsi enologici più importanti d'Italia denominato la Douja d'or (antico boccale panciuto piemontese) celebre è anche il palio tra le manifestazioni più antiche d'Italia che si svolge a settembre e sì corre con i fantini che cavalcano il proprio equino senza l'uso di una sella.

Asti si trova nella valle del fiume Tanaro in Valbrenta la città sorge in mezzo a celebri colline tra le Langhe ed il Monferrato famosa in tutto il mondo per i loro vini DOCG ( denominazione di origine controllata e garantita). Fu edificata dai Romani con il nome di Hasta in seguito durante il medioevo è stata un importante scalo per gli scambi commerciali e bancari in questo periodo la città vede estendersi il proprio potere su numerose città e Paesi nacquero le prime casane istituti di credito su pegno prestavano somme di denaro facendosi dare in garanzia castelli e Terre successivamente Asti subisce un assedio da parte delle truppe di Federico Barbarossa durante la Seconda Guerra Mondiale dopo l'armistizio del 1943 con gli alleati Asti visse in pieno la guerra di resistenza dal 1948 ai giorni nostri Asti ha subito diverse alluvioni con gravi danni per lo straripamento del fiume Tanaro.

Uno dei piatti tipici della tradizione astigiana è la bagna cauda un piatto povero che affonda le sue origini nel Medioevo condito con acciughe sotto sale burro olio extravergine d'oliva ed aglio. Tra i prodotti autononi più richiesti e costosi del territorio è il tartufo nero o bianco si raccoglie con il supporto di cani ben addestrati oppure suini.

Nella storia del volley Asti ha lasciato segni importanti. La formazione maschile tra gli anni '90 e '00 ha raggiunto la serie A2 mentre la femminile per tanti campionati è stata protagonista in B1, sino allo scioglimento nel 2013. La squadra principale è la Play Volley che partecipa al campionato di B2.

 


BALOO VOLLEY IN TOUR

Per conoscere la prima parte di Baloo Volley In Tour. 1) Conosciamo Cremona, la città all'ombra del Torrazzo 2) Conosciamo Parma, i grandi successi della città Ducale 3) Conosciamo Reggio Calabria, la pallavolo sulla punta dello Stivale 4) Conosciamo Torino, il volley all'ombra della Mole 5) Conosciamo Matera, il forte legame tra la città dei Sassi e la pallavolo 6) Conosciamo Crema, città di cultura, cosmesi e pallavolo 7) Conosciamo Spoleto, la città nativa dello Zar Ivan 8) Conosciamo Castellana Grotte, faro della pallavolo nelle Murgie 9) Conosciamo Bolzano, i tesori pallavolistici tra le Dolomiti 10) Conosciamo Roma, come è nata la Città Eterna 11) Conosciamo Falconara Marittima, il volley sulle sponde dell'Adriatico 12) Conosciamo Agrigento, la pallavolo dalla Valle dei Templi 12) Conosciamo Catania, quando gli Scudetti parlavano siciliano 13) Conosciamo Treviso ed un'irripetibile storia pallavolistica 14) Conosciamo Santa Croce sull'Arno, l'orgoglio del volley pisano

 

Servizio a cura di Marco Boldini

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù