STORIE. Serie C, Denise Visconti: "All'inizio eravamo molto preoccupate, siamo in attesa della fase 2"

ANNICCO (CR). Cinquanta giorni di stop, dove il mondo, in certo senso si è fermato. La pandemia del covid-19 ha stoppato la maggior parte delle attività sportive e lavorative di molte persone. Tra cui quello di Denise Visconti, centrale del K Volley Walcor Soresina

Di Francesco Jacini | Lunedì, 27 Aprile 2020 09:23

Denise Visconti con Ileana la titolare del centro estetico e con la maglia della Walcor (foto © Molaschi)

 

Cremonese di Casalmorano il prossimo 6 maggio, lavora come operatrice presso il centro estetico Scandalo al Sole (tratto dal famoso film del 1959 con Sandra Dee) di Pizzighettone, ha visto sul nascere l'emergenza del corona virus. "Nei primi giorni quando è stata chiusa la zona rossa di Codogno è stato difficile - racconta -. Codogno è a soli tre chilometri da dove lavoro, paura c'era perché siamo a stretto contatto con la clientela. Io e la mia titolare Ileana sin dai ci siamo attrezzate subito con guanti e mascherine ma abbiamo notato che alcuni erano preoccupati ed altri hanno sottovalutato il problema". Un mestiere in prima linea a stretto contatto con la clientela in spazio ristretti. "Dopo una settimana quando la gente ha iniziato ad uscire poco - prosegue - ed il lavoro è calato drasticamente. Abbiamo deciso, prima ancora del DPCM del 7 marzo, di chiudere l'attività".

Poco per volta l'Italia si preparando per la ripresa, la cosiddetta fase 2, anche se sarà lenta, prevista a partire dal 4 maggio. "Quando potremmo riaprire - spiega Denise - dovremmo accogliere un cliente a testa che dovrà prenotare l'appuntamento. Al momento non sappiamo nulla, non è stato specificato quando potremmo ripartire e siamo in attesa di notizie ufficiali e se si potrà fare le lampade; quando ripartiremo molte cose cambieranno, dovremo fare meno persone. Come prima non ci sarà più nulla". L'attività al centro estetico dovrebbe ripartire a giugno, terminato il lockdown.

Residente ad Annicco ma originaria di Casalmorano, paese andato alla ribalta mediatica per l'alto numero di decessi in rapporto alla popolazione. "Vedere cosa sta succedendo al mio paese non è stato bello specie quando si va sulle tv nazionali nel telegiornale della sera - racconta -. Mi ha fatto un brutto effetto perché tanta gente la conoscevo".

Il covid-19 ha fermato, come è noto le attività sportive. Denise ama la pallavolo e da anni gioca centrale nella Walcor Soresina, terza classificata nel girone D del campionato regionale di serie C. L'emergenza ha fermato la corsa verso i play off della squadra di coach Vittorio Verderio."Avevamo gli scontri diretti in casa - precisa - e volevamo rifarci. Stavamo giocando bene e si percepiva che avremmo potuto fare grandi cose. Peccato ma prima di tutto viene la salute". Ventitré anni il prossimo 6 maggio culla un piccolo ma grande sogno: la B2. "Ci spero in una promozione in un torneo nazionale ma per disputare quel campionato non saprei. Adesso riesco a gestire tutto ma dovrei cambiare molti aspetti della mia via professionale" conclude.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù