SERIE B1-B. Chromavis Abo e Coronavirus: tra compleanni speciali e vita quotidiana con spirito di squadra

OFFANENGO (CR). Martedì 24 marzo la centrale neroverde Monica Rettani ha festeggiato i suoi ventitre anni

Di Redazione | Martedì, 24 Marzo 2020 15:54

Noemi Porzio ed Alice Giampietri festeggiano il compleanno di Monica Rettani

 

E' una delle atlete rimaste a Offanengo condividendo queste settimane con le compagne di squadra Noemi Porzio, Alice Giampietri e Alessandra Guasti. Un compleanno giocoforza singolare, ma che sa essere anche speciale, come tutta questa “avventura” condivisa insieme, da vera squadra. Neanche pescando tra le più brillanti fantasie Monica Rettani avrebbe potuto pensare a una ricorrenza così particolare.

Monica non è sola: a condividere con lei queste settimane scandite dalla rivoluzione legata al Coronavirus. “Ovviamente – confessa Monica Rettani – non mi potevo aspettare una situazione del genere, ma sono comunque molto fortunata: ho vicino a me compagne di squadra che sanno rendere piacevoli anche queste settimane. Alice (Giampietri) ha preparato la crostata che abbiamo tagliato ieri (lunedì) a mezzanotte con tanto di candeline da spegnere, mentre oggi (martedì) mi hanno dato il regalo. Riescono a farmi sorridere anche in questi giorni; la mia famiglia, invece, la sento in videochiamata. Questo compleanno lo ricorderò sicuramente, ma in chiave molto positiva”.

Come funzionano queste “strane” giornate? “Prevalentemente – racconta Alice –studiamo, ne approfittiamo per portarci avanti con i lavori. Ci piace cucinare e recentemente abbiamo anche costruito mascherine fatte in casa; giochiamo a carte insieme, poi capita di vedere film e serie tv. Come siamo organizzate? Facciamo tutto insieme: “battezziamo” un tema, una cosa da fare e ci mettiamo al lavoro”.

E sotto il profilo sportivo? “Ogni giorno – spiega Alessandra Guasti – tranne la domenica ci teniamo in forma con il circuito che ci ha assegnato il nostro preparatore atletico Massimiliano Mazzilli. Lo svolgiamo in casa o in caso di bel tempo in giardino, sempre rispettando le regole. Certo, non è come allenarsi normalmente, ma tenersi compagnia aiuta. A livello mentale è un periodo difficile, anche perché abbiamo i familiari lontano”.

“La nostra fortuna – conclude capitan Porzio – è quella di essere sempre state insieme dall’inizio e continuiamo ora anche in questo momento difficile. Questa cosa rafforza, è vero che c’è gente che ha problemi più grandi; sono sicura che in futuro daremo più valore alle cose semplici. Come squadra, il nostro abbraccio di gruppo manca tantissimo. Quando ci ritroveremo ne faremo uno fortissimo, ne sono certa”.

 

Servizio a cura di Romano Lombardi

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù