SERIE B1-A. "Bergamo mola mia", Angela Gabbiadini tifa per la sua città

ALBESE CON CASSANO (CO). Generosa nell'anima, determinata nel raggiungere gli obiettivi, forte di carattere e combattiva quando serve

Di Francesco Jacini | Martedì, 24 Marzo 2020 07:26

Angela Gabbiadini e sullo sfondo Bergamo

La ventisettenne schiacciatrice della Tecnoteam Albese lancia parole d'amore e di incoraggiamento per la città che le ha dato i natali (non solo pallavolistici). Una delle città italiane più colpite dalla pandemia del Covid-19. "Sono giorni bui per la mia Bergamo - scrive Angela sul suo profilo facebook - chiamo a casa con la speranza di non ricevere brutte sorprese, la mia famiglia fortunatamente sta bene, ma ogni volta che la sento mi riferiscono di persone morte e questo mi mette molta tristezza".

"La mia città è in ginocchio, è stata letteralmente piegata da un mostro invisibile che si porta via le persone senza nemmeno dare loro l’opportunità di poter ricevere una carezza, un bacio, semplicemente guardare negli occhi per l’ultima volta le persone che più hanno amato nella loro vita e questo mi mette molta tristezza".

"La mia città è in ginocchio, è un via vai di carri che si portano via decine e decine di salme che non hanno trovato posto nei luoghi in cui hanno vissuto una vita intera e questo mi mette molta tristezza".

"La mia città è in ginocchio, ma medici, infermieri e volontari stanno facendo l’impossibile per salvare anche solo una vita in più, non si arrendono, continuano a lottare e questo mi dà tanta speranza.

"La mia città è in ginocchio, ma so che non mollerà e quando tutto questo sarà passato saprà rialzarsi e tornare ad essere la mia bella Bergamo".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù