SERIE A2 MASCHILE. Coppa Italia, l'Atlantide scrive la storia ed è finale

BRESCIA. La Sarca Italia Chef Centrale si impone in tre set in un match tiratissimo con Grottazzolina, fino ad oggi imbattuta

Di Redazione | Giovedì, 30 Gennaio 2020 09:00

Simone Tiberti

 

Tenacia e cuore portano l’Atlantide per la prima volta alla finale di Coppa Italia che si giocherà a Bologna il 23 febbraio contro Olimpia Bergamo. Brescia sente il match e paga la tensione agonistica in avvio, permettendo agli ospiti prima il recupero del primo parziale e poi un buon vantaggio nel secondo. Quando si trova a rincorrere, però, Cisolla e Tiberti prendono per mano i compagni e ridanno fiducia al gruppo, tenendo i nervi saldi nei finali di set. Il muro bresciano sale in cattedra, il servizio torna a fare male e i Tucani, con testa e cuore, volano verso la loro prima storica finale della Del Monte Coppa Italia.

Malvestiti sigla l’ace 3-1, ma Brescia è meno efficace sul cambio palla e paga una partenza un po’ contratta: Videx ne approfitta, difendendo con caparbietà e ricostruendo con Snippe e Giannotti per il primo vantaggio (11-12). I Tucani ritrovano linfa dopo l’errore a rete della banda olandese, che subisce poi il muro del capitano e le botte dai nove metri di Cisolla (17-12). Di Bonaventura e Marchiani infastidiscono la ricezione bresciana e due errori in attacco da posto due ridanno ai grottesi il pareggio a 20. Sblocca Cisolla in pipe e poi con un lungolinea che vale il 23-21, ma Snippe restituisce e impatta. E’ sempre il 15 bianco blu che guadagna il primo set ball, sciupato da un servizio out. Vecchi difende tutto e ribalta il fronte (24-25); errori al servizio da entrambe le parti, poi è una difesa pazzesca di Cisolla a permettere a Brescia di chiudere il primo set 28-26.

Videx riparte molto determinata e difende ogni pallone: Giannotti piazza l’ace del 2-6 e gli ospiti crescono anche a muro, fermando Galliani e non sbagliando niente in attacco. Brescia subisce (5-11) e sembra contare solo su Cisolla – che arriva in copertura in tuffo – e su Tiberti, che mura Vecchi per il 12-15. I due condottieri ridanno grinta ai Tucani che risalgono con pazienza: Malvestiti mette l’ace del 18-19 e Festi blocca Giannotti. Cisolla mette avanti la testa con una palla in controtempo (20-19), ma non è finita: Brescia non trova il cambio palla e deve rincorrere ancora (21-23). Palla out di un soffio di Snippe e il sorpasso passa ancora dalle mani di Cisolla, prima enorme a muro su Vecchi (26-25), poi sulla riga in diagonale. La chiude Malvestiti con un monsterblock su Snippe (28-26).

Grottazzolina subisce il contraccolpo e sbaglia qualcosa in attacco, mentre Sarca Italia Chef Centrale cresce in sicurezza e blocca ogni tentativo degli ospiti di rialzarsi (8-4). La determinazione si vede dal servizio: tutti più efficaci dalla linea di fondo, tutti più sciolti in attacco: Malvestiti pennella la riga laterale per il 15-9. Starace è in campo per Vecchi e la Videx ci prova, ma Ostuzzi e Tiberti sono molto ostinati in difesa. Giannotti è il più concreto dei suoi, ma contro il Cisolla di stasera – a segno per il 19-14 da seconda linea – non è facile per nessuno. Una rotazione che non gira in ricezione fa riavvicinare gli ospiti da 20-15 a 21-20 per un finale carico di tensione: è ancora Cisolla a rilanciare il break che, grazie all’errore di Giannotti (23-20), permette ai Tucani di chiudere con una botta di Festi per il match point e l’errore dal centro degli ospiti (25-21).

 

Sarca Italia Chef Centrale Brescia - Videx Grottazzolina 3-0 (28-26, 28-26, 25-21)

Sarca Italia Chef Centrale Brescia: Tiberti 3, Galliani 14, Mijatovic 3, Malvestiti 12, Cisolla 18, Festi 9, Franzoni (L), Ostuzzi 0, Zito (L), Crosatti 0. N.E. Bergoli, Ceccato, Mattinzoli, Gavotto. All.: Zambonardi.

Videx Grottazzolina: Marchiani 0, Vecchi 6, Gaspari 4, Giannotti 21, Snippe 17, Arienti 6, Minnoni 0, Di Bonaventura 1, Romiti (L), Starace 1. N.E. Pulcini, Romagnoli. All.: Ortenzi.

 

Servizio a cura di Pierluigi Rudiani

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù