SERIE A2-A. Geovillage, Giorgia Caforio: "Classifica cortissima, giocheremo di gara in gara"

OLBIA. Sei punti nelle ultime tre gare, due vittorie ed una stagione, ancora lunga nel tempo e nello spazio (se vogliamo) ancora tutta da decidere

Di Francesco Jacini | Giovedì, 14 Novembre 2019 23:32

Giorgia Caforio (foto © luxflow)

 

La Geovillage Olbia, attuale top team della Sardegna pallavolistica, grazie al successo contro Talmassons ha rimescolato le carte nel girone A della A2 nella terra di mezzo tra poule play off e poule play out. Dal terzo posto di Soverato al decimo, occupato dalle risorte fenici isolane, il fazzoletto è di solo sei punti. Tradotto due vittorie e ad undici gare e ancora chilometri a divorare via terra, mare e aria dalla fine della prima fase tutto potrà ancora accadere.

 

Tra le protagoniste del risorgimento neroblù c'è sicuramente il libero Giorgia Caforio. "All'inizio abbiamo fatto fatica a carburare - spiega in esclusiva per Baloo Volley -. Quando si perde è difficile lavorare con serenità. Dopo il cambio di allenatore (da coach Michelangelo Anile e Emiliano Giandomenico, ndr) abbiamo avuto una scossa. A partire dalla gara con Sassuolo è arrivata la reazione di squadra e la consapevolezza in più delle nostre potenzialità. La squadra doveva ancora cercare la sua identità".

 

"Due vittorie che in parte ci servivano per il morale - prosegue il forte libero pugliese - e per la classifica. Successi in due scontri diretto (Montale e Talmassons), l'ultimo è stato importante: non siamo partite bene, nel primo set abbiamo subito tensione e stanchezza e siamo state brave a volerla a vincere a tutti i costi. E' emersa la forza di tutta la squadra in una delle trasferte più complicate di questo periodo".

 

Nuovo orizzonte per il Geovillage ma Giorgia, nata sotto il sesto segno dello zodiaco, la Vergine, è concreta e realista. "In questo momento - precisa - dobbiamo pensare gara per gar e non preporci obiettivi a lungo termine. Le vittorie ci aiutano a fare meglio e far crescere le consapevolezze dei nostri mezzi e nel momento in cui lo capiremo, sapremo dove andremo. La classifica è cortissima e dipende molto tanti da altri fattori è ancora presto dire dove andremo. Pensiamo a fare bene noi".

 

Il calendario prevede, scherzi jokeriani del destino, un nuovo incontro salvezza per Olbia che far visita la Cuore di mamma Cutrofiano. Un derby pugliese ed un ritorno al passato nel futuro Giorgia, brindisina di Latiano. "Vengono da una sconfitta a Montale - analizza - e sappiamo giocheranno per riscattarsi. Per me è un ritorno nella mia terra, da parecchi anni che non giocavo in Puglia, conosco molto l'ambiente, vivrò le emozioni ma Olbia deve vincere. Siamo pronte".

 

Veterana della serie A2 (Soverato, Cuneo, San Vito dei Normanni), Giorgia, analizza questa stagione, la seconda divisa in due tronconi. "Rispetto ai primi tre anni in cui giovano la serie A2 non ci sono tante differenze. Due gironi sono importanti per dare vetrina e dare la possibilità di poter giocare alle giovani. San Giovanni in Marignano sembra imbattibile per il resto i risultati sono imprevedibili di turno in turno" conclude.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù