SERIE B1-A. Don Colleoni, Chiara Pinto: "Vincere sarà un trampolino di lancio"

BERGAMO. Nel prossimo turno di campionato, il ventesimo, spiccano due incontri da tenere sotto monitor: Futura Volley Busto Arsizio-Vigevano e Offanengo-Don Colleoni

Di Francesco Jacini | Giovedì, 14 Marzo 2019 07:18

 Al centro Chiara Pinto (foto © Molaschi)

 

Nel posticipo domenicale del PalaCoim la formazione orobica ad affrontare la Chromavis Abo, in una sfida tutta da seguire. Asso nella manica del Don Colleoni Trescore Balneraio è la giovanissima schiacciatrice Chiara Pinto, autrice di ben 31 punti nella gara persa contro la capolista.Il pericolo numero 1 per la squadra di coach Barbieri. "La gara contro Busto Arsizio - spiega - è stata una bella battaglia. A livello di energia è dispensione, gli scambi sono stati lunghi e combattuti. Loro sono più esperte e noi non gliel'abbiamo data vinta facilmente. Resta l'amarezza ma la consapevolezza di un punto conquistato, frutto dell'entusiasmo. Se continuiamo su questa strada credo che possiamo fare qualcosa di buono ad Offanengo".

 

Trampolino di lancio

Don Colleoni quarto a 41 punti, Chromavis Abo, quinto, con 39. Gara crocevia su entrambe le sponde del fiume. "Nell'economia della classifica sarà abbastanza decisiva - puntualizza Chiara -. Non dobbiamo sperare in errori altrui ma pensare esclusivando a noi. Giocando fuori casa in un campo difficile come il PalaCoim non sarà facile: in trasferta abbiamo più difficoltà nel portare a casa il risultato perciò questa gara sarà un segno di maturità ovvero portare a casa il risultato. Vincere sarà un trampolino per delineare il finale di campionato".

 

Organizzazione del tempo

Cresciuta nel vivaio del Volley Bergamo (ex Foppa) è alla terza stagione al Don Colleoni. "Gli anni del settore giovanile sono stati belli, impegnativi - spiega -. Sono servirti per coincidere studio, sport e tempo libero ed ancora oggi mi sono serviti per organizzare il tempo ed hanno dato senso di disciplina. Tra gli allenatori che ho avuto un piacevole di Matteo Prezioso (ora assistente di Bertini alla Zanetti in A1)". Terza stagione al Don Colleoni, dicevamo, due con Dall'Angelo ed ora con Ebana. "Il livello di questo campionato si è alzato: la scorsa stagione c'è stato Pinerolo che ha fatto un campionato a se. Busto Arsizio ha una marcia in più, anche nei momenti difficili ha portato a casa la vittoria".

 

Magica dea

Bergamasca, classe 1997, 180 centimetri, vive nel quartiere tra lo stadio Azzurri d'Italia e del palazzetto Italcementi. Divide la vita tra la pallavolo e gli studi universitari alla Triennale di giurisprudenza. Tifosa atalantina quando può va a tifare la Dea. "Seguo poco il volley, preferisco giocarlo. Le notizie che so le vedo sui social". Nel futuro ha un sogno: "Conquistare la promozione in serie A con il Don Colleoni. Noi siamo pronte a tutto e restiamo con i piedi per terra". Concretezza e consapevolezza per il rush finale, prima c'è l'ostacolo Chromavis Abo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù